martedì 11 luglio 2017

Ferrovia Porrettana : “Fusse ca fusse la volta bona' e sarebbero comunque briciole.


di Valerio Giusti
Comitato per la Ferrovia Porrettana


ENTRO L’AUTUNNO SOSTITUITI TUTTI I TRENI OBSOLETI; ENTRO FINE ANNO ELIMINATE LE BARRIERE ARCHITETTONICHE A PORRETTA E RIOLA; IN AGOSTO 2018 RIPRISTINO DOPPIO BINARIO A VERGATO.
Queste sono le principali novità che riguarderanno la nostra linea ferroviaria e che cominciano a rispondere in maniera importante alle richieste dei pendolari. Sono state annunciate dall’Assessore regionale Raffaele Donini e fanno parte del progetto che ci fu illustrato lo scorso anno e che adesso comincia a mostrare i primi risultati anche se con qualche piccolo ritocco nei tempi.
Entro il mese di ottobre, salvo ritardi nelle consegne dei materiali, altri due nuovi ETR 350 (Stadler), sostituiranno i vecchi locomotori e tutti i treni in circolazione sulla linea saranno accessibili a disabili e carrozzine. Come abbiamo scritto più volte, lo Stadler è un treno agile e leggero che permette di mantenere una sufficiente regolarità in una linea come la nostra, caratterizzata da stazioni molto vicine che obbligano a fermate e ripartenze ravvicinate assai sofferte dai treni più pesanti.
Assieme agli ETR 350, resteranno sulla linea (purtroppo…) alcuni Vivalto di prima generazione, i bipiano che sono più capienti, ma che stanno facendo inferocire i viaggiatori perché possiedono un sistema di climatizzazione arretrato, fastidioso e insufficiente.
Per eliminare completamente le barriere architettoniche occorre anche rifare alcune stazioni che possiedono marciapiedi troppo bassi o scale non accessibili ai portatori handicap. Entro il 2017 saranno installati a Porretta Terme e Riola, gli ascensori per i disabili e, probabilmente, saranno riaperti i bagni pubblici, anche se a pagamento per cercare di arginare accessi inopportuni e limitare atti vandalici.
Il ripristino del doppio binario a Vergato slitterà al mese di agosto 2018.
Con i fondi disponibili, il progetto originale, previsto per il 2017, prevedeva l’utilizzo principale del 2do binario e ciò avrebbe comportato che la quasi totalità degli utenti avrebbe dovuto utilizzare il sottopasso per accedere al binario “lato-fiume”
Grazie all’intervento dei Sindaci e della Regione che hanno convinto RFI a raddoppiare l’investimento, portandolo da 3 a 6 milioni di euro, il progetto è stato completamente rivoluzionato e migliorato. Il binario “di corsa” diventerà il primo, facilitando notevolmente l’accesso degli utenti e saranno ampliati e rialzati i marciapiedi per l’abbattimento delle barriere handicap. La possibilità di “fare incrocio” a vergato, ridurrà fortemente i tempi di attesa in caso di guasti e ritardi e auspichiamo che possa permettere, a regime, di modificare le tracce orarie per ridurre i tempi di percorrenza generali.
Abbiamo invitato la regione a venire a presentare pubblicamente il nuovo progetto e utilizzare l’incontro per parlare delle altre problematiche indicate negli altri comunicati. L’Assessore si è inoltre impegnato a rivedere il costo del Ferrobus (l’abbonamento Trenitalia/Tper utilizzato dagli studenti) a partire dal 2018.
 
Vergato 10/07/2017




3 commenti:

Anonimo ha detto...

LA QUESTIONE DEL BINARIO DI VERGATO E' UNA VERA PRESA IN GIRO, DATO CHE ESISTEVA GIA' E FU RIMOSSO!!!! PER POI ORA SPENDERE UNA MAREA DI SOLDI PER RIPRISTINARLO!!! BISOGNEREBBE FARLO PAGARE AI DIRIGENTI CHE DECISERO QUESTO RIORDINO DEMENZIALE!!!!!

Anonimo ha detto...

Fai una buca copri una buca


http://vergatonews24.it/2017/06/25/stazione-fs-di-vergato-iniziano-i-lavori-in-settembre/


quanta annuncite

Anonimo ha detto...

Il 2' binario di Vergato fatelo rimontare a Donini: lo vogliamo vedere scaricare le traverse in cemento, trasportarle in mezzo allo scalo con la carriola e vogliamo vederlo imbullonare le rotaie bullone per bullone!